• PHILIPPE PARRENO ELSEWHEN

    • PHILIPPE PARRENO ELSEWHEN - Louis Vuitton Arte & Viaggio NEWS
    • PHILIPPE PARRENO ELSEWHEN - Louis Vuitton Arte & Viaggio NEWS
    • PHILIPPE PARRENO ELSEWHEN - Louis Vuitton Arte & Viaggio NEWS
    • PHILIPPE PARRENO ELSEWHEN - Louis Vuitton Arte & Viaggio NEWS
    Evento Collaterale della 58. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia

    La Fondation Louis Vuitton è lieta di annunciare l’apertura della nuova mostra, Elsewhen dell’artista francese Philippe Parreno all’Espace Louis Vuitton Venezia. La mostra, Evento Collaterale della 58. Esposizione Internazionale d’Arte ‒ La Biennale di Venezia, fa parte della serie di eventi organizzati nel contesto del programma «Beyond the Walls» della Fondation Louis Vuitton.

    Questo ciclo di mostre, inaugurato nel 2014, presenta opere inedite della Collezione negli Espace Louis Vuitton di Tokyo, Monaco, Pechino e Venezia, realizzando l’impegno della Fondation nel creare progetti internazionali e renderli accessibili ad un pubblico più vasto.

    Nell'opera in mostra all'Espace Louis Vuitton Venezia, i muri sono rivestiti di carta da parati giallo fosforescente con un motivo di iris neri e una marquee (pensilina) luminosa, come quelle usate alle entrate dei vecchi cinema, è sospesa sopra una saracinesca meccanica specchiante. Questi elementi interdipendenti sono controllati e attivati da un programma sperimentale ibrido che registra le reazioni di microrganismi al movimento dei visitatori e attiva l’installazione ad intervalli irregolari, creando flussi d’aria improvvisi, spegnendo o accendendo la luce, propagando suoni generati sinteticamente. Il movimento della saracinesca crea un gioco di luci che riflette la sagoma del visitatore e la struttura della marquee, mentre quando la luce si spegne, tutte le forme diventano spettrali, accentuate dai muri fosforescenti che assumono

    sfumature dal verde scuro al nero. Allontanandosi dalla loro funzione iniziale, questi elementi assumono un’identità equivoca, trasportando uno slancio vitale nello spazio e generando un’interazione unica tra lo spettatore e il contesto. Con Elsewhen, Parreno crea un’esperienza dove la memoria del passato si intreccia in una temporalità dirompente. I consueti canoni percettivi vengono messi in discussione in favore di nuovi processi di comprensione, sfidando la razionalità e l’ordine precostituito.

    Espace Louis Vuitton Venezia
    Calle del Ridotto 1353
    30124 Venezia – Italia
    Tel. +39 041 8844318
    Email: info_espace.it@louisvuitton.com
    Dal lunedì al sabato dalle 10:00 alle 19:30
    e la domenica dalle 10:30 alle 19:30
    Aperto nei giorni festivi. Ingresso libero

    Philippe Parreno, Elsewhen (2019). Exhibition at Espace Louis Vuitton Venezia. Courtesy of the artist, Fondation Louis Vuitton and Barbara Gladstone Gallery .  

    (C) Philippe Parreno. Photo credits Andrea Rossetti 

     

    Biennale Mostra Fondazione Louis Vuitton
  • LOUIS VUITTON A NEW YORK: GUIDA GRATUITA

    LOUIS VUITTON A NEW YORK: GUIDA GRATUITA - Louis Vuitton Arte & Viaggio NEWS
    In occasione della prossima Sfilata Cruise 2020 presso l'aeroporto JFK, l'applicazione mobile Louis Vuitton City Guide offrirà gratuitamente la guida di New York per un periodo di tempo limitato.

    Oltre all'app per smartphone, Louis Vuitton presenta anche una versione stampata della City Guide e due libri dedicati alla famosa città americana. L'edizione dedicata a New York inclusa nella collezione di Travel Books di Louis Vuitton è stata progettata dall'artista e blogger francese Jean-Philippe Delhomme e offre una visione colorata e giocosa della Grande Mela. Invece il volume dedicato a New York tratto dalla collezione  Louis Vuitton Fashion Eye mostra la città attraverso la lente del fotografo di moda Saul Leiter.

    L'edizione dedicata a  New York dell'app City Guide di Louis Vuitton sarà disponibile per il download gratuito dal 6 al 10 maggio 2019.

    Scarichi l'app Louis Vuitton City Guide App per iOS

    Cruise Sfilata di moda Libri Fotografia
  • LOUIS VUITTON PRESENTA I NUOVI OBJETS NOMADES

    La collezione sarà a  Palazzo Serbelloni in occasione del Fuorisalone di Milano 2019.

    Dal loro debutto nel 2012, gli Objets Nomades Louis Vuitton sono divenuti una collezione completa di quarantacinque oggetti meravigliosamente realizzati. Le ultime novità, dieci pezzi che si aggiungono alla collezione, saranno presentati a Milano, nella splendida cornice di Palazzo Serbelloni durante il Fuorisalone 2019. I designer che fanno parte del progetto Objets Nomades sono nomi di fama internazionale:  Atelier Oï, Maarten Baas, Barber&Osgerby, Fratelli Campana, André Fu, Damien Langlois-Meurinne, Nendo, Gwenaël Nicolas, Raw Edges, Patricia Urquiola, Marcel Wanders, India Mahdavi e Tokujin Yoshioka. Da quest'anno si aggiungono al progetto due nuovi studi di architettura: Atelier Biagetti e Zanellato/Bortotto.

    L’atelier milanese Biagetti ha creato Anemona, un prezioso tavolo da pranzo con ripiano in vetro e base ondulata rivestita in morbida pelle. Il duo italiano Zanellato/Bortotto fa il suo debutto con Mandala Screen, un paravento composto da tre parti modulabili, in un sofisticato intreccio. La Collezione, in continua crescita, si arricchisce inoltre di una selezione di opere realizzate dai designer che già fanno parte del progetto Objets Nomades. I fratelli Campana hanno immaginato Bulbo, una seduta  che avvolge i suoi ospiti in un fiore tropicale simile a un bozzolo. Il tavolo da pranzo Serpentine di Atelier Oï è un gioco di pesi e tensioni tra le gambe incrociate in legno di noce tenute insieme da cinghie finemente lavorate. Dolls di Raw Edges è un set di sedute gioiose, giocose e infinitamente personalizzabili. Marcel Wanders arricchisce la Collezione con quattro nuovi oggetti: l'accattivante coppia Diamond Sofa e Armchair con le loro basi in frassino intrecciato rivestito in pelle; Venezia, una lampada ispirata alle tradizionali lanterne veneziane e Diamond Vase, un vaso realizzato in vetro di Murano rosso. India Mahdavi ha creato il vassoio laccato Talisman, con il suo disegno dell’"occhio benevolo", mentre Tokujin Yoshioka presenta Blossom Vase, un vaso ispirato al celebre motivo del fiore Monogram, realizzato in vetro di Murano lavorato a mano.

    Louis Vuitton Objets Nomades
    Palazzo Serbelloni
    Corso Venezia 16, Milano
    9 e 10 Aprile dalle 11.00 alle 20.00
    Dall’11 al 14 aprile dalle 10.00 alle 20.00

    Scopra di più sulla Collezione Objets Nomades qui

    Objets Nomades Petits Nomades Designers Arredamento
  • LOUIS VUITTON PRESENTA I NUOVI OBJETS NOMADES

    La collezione sarà a  Palazzo Serbelloni in occasione del Fuorisalone di Milano 2019.

    Dal loro debutto nel 2012, gli Objets Nomades Louis Vuitton sono divenuti una collezione completa di quarantacinque oggetti meravigliosamente realizzati. Le ultime novità, dieci pezzi che si aggiungono alla collezione, saranno presentati a Milano, nella splendida cornice di Palazzo Serbelloni durante il Fuorisalone 2019. I designer che fanno parte del progetto Objets Nomades sono nomi di fama internazionale:  Atelier Oï, Maarten Baas, Barber&Osgerby, Fratelli Campana, André Fu, Damien Langlois-Meurinne, Nendo, Gwenaël Nicolas, Raw Edges, Patricia Urquiola, Marcel Wanders, India Mahdavi e Tokujin Yoshioka. Da quest'anno si aggiungono al progetto due nuovi studi di architettura: Atelier Biagetti e Zanellato/Bortotto.

    L’atelier milanese Biagetti ha creato Anemona, un prezioso tavolo da pranzo con ripiano in vetro e base ondulata rivestita in morbida pelle. Il duo italiano Zanellato/Bortotto fa il suo debutto con Mandala Screen, un paravento composto da tre parti modulabili, in un sofisticato intreccio. La Collezione, in continua crescita, si arricchisce inoltre di una selezione di opere realizzate dai designer che già fanno parte del progetto Objets Nomades. I fratelli Campana hanno immaginato Bulbo, una seduta  che avvolge i suoi ospiti in un fiore tropicale simile a un bozzolo. Il tavolo da pranzo Serpentine di Atelier Oï è un gioco di pesi e tensioni tra le gambe incrociate in legno di noce tenute insieme da cinghie finemente lavorate. Dolls di Raw Edges è un set di sedute gioiose, giocose e infinitamente personalizzabili. Marcel Wanders arricchisce la Collezione con quattro nuovi oggetti: l'accattivante coppia Diamond Sofa e Armchair con le loro basi in frassino intrecciato rivestito in pelle; Venezia, una lampada ispirata alle tradizionali lanterne veneziane e Diamond Vase, un vaso realizzato in vetro di Murano rosso. India Mahdavi ha creato il vassoio laccato Talisman, con il suo disegno dell’"occhio benevolo", mentre Tokujin Yoshioka presenta Blossom Vase, un vaso ispirato al celebre motivo del fiore Monogram, realizzato in vetro di Murano lavorato a mano.

    Louis Vuitton Objets Nomades
    Palazzo Serbelloni
    Corso Venezia 16, Milano
    9 e 10 Aprile dalle 11.00 alle 20.00
    Dall’11 al 14 aprile dalle 10.00 alle 20.00

    Scopra di più sulla Collezione Objets Nomades qui

    Objets Nomades Petits Nomades Designers Arredamento
  • LA COLLEZIONE COURTAULD PRESSO LA FONDAZIONE LOUIS VUITTON

    LA COLLEZIONE COURTAULD PRESSO LA FONDAZIONE LOUIS VUITTON - Louis Vuitton Arte & Viaggio NEWS
    La Fondation Louis Vuitton presenta la collezione del mecenate e uomo d'affari inglese Samuel Courtauld, dal 20 febbraio al 17 giugno 2019 a Parigi.

    "La collezione Courtauld: uno sguardo sull'impressionismo" riunisce circa 110 opere, tra cui 60 dipinti e opere grafiche, che sono principalmente conservate nella Courtauld Gallery o in diverse collezioni pubbliche e private internazionali. Questa mostra permetterà al mondo di scoprire alcuni dei più grandi dipinti del XX secolo a Parigi, sessant'anni dopo la loro prima esposizione nel 1955 al Musée de l’Orangerie. Tra questi ricordiamo Il bar delle Folies-Bergère (1882) di Manet, Giovane donna che si incipria di Seurat (1889-90), I giocatori di carte di Cézanne (1892-96), Autoritratto con orecchio bendato di Van Gogh (1889) ), Nevermore di Gauguin (1897), una serie di dieci acquerelli di J.M.W. Turner che appartenevano al fratello di Samuel Courtauld, Sir Stephen Courtauld.

    La mostra dedicata alla Collezione Courtauld  rappresenta la volontà della Fondazione di mostrare il ruolo dei più emblematici collezionisti d'arte dell'ultimo secolo e attuali, seguendo il percorso già intrapreso in precedenti mostre come "Keys to a Passion" (2014-2015), "Being Modern: Moma in Paris" (2017-2018), "Icons of Modern Art The Shchukin Collection" (2016-2017), che riunisce grandi opere di arte moderna, provenienti da istituzioni prestigiose e collezionisti visionari.

    Prenoti la sua visita

    Fondazione Louis Vuitton Mostra Impressionismo